Barbara Delli Castelli



ACRONIMI
E ALTRE FORME DI ABBREVIAZIONE
NEL DDR-DEUTSCH


 


ISBN 978-88-7916-511-2 - 15,5 x 22 cm - 2012


pp. 300 – € 35,50
Prezzo on line € 30,17 - Sconto 15%
 
Acquisto il volume


 

 

Il tema – molto dibattuto fra gli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso – di uno sviluppo autonomo della lingua tedesca nella DDR è diventato, dopo la Wiedervereinigung, una questione puramente accademica relativa alla storia della Germania nel XX secolo. Ciononostante esso merita di essere ricordato come un interessante esempio di «adeguamento» linguistico motivato da necessità politiche e sociali del quale si sono occupati (e continuano a occuparsi) molti linguisti tedeschi e non. Al di là delle difficoltà comunicative create dal DDR-Wortschatz per quanto attiene alla semantica, uno dei più evidenti ostacoli alla comprensione dei testi prodotti nella Germania orientale durante gli anni della divisione è posto dall’uso preponderante di sigle, acronimi e altre forme di abbreviazione. Un Abkürzungsfimmel che è conseguenza diretta di un’altra propensione dei burocrati: quella a creare Komposita e sintagmi lessicali sempre più lunghi. Alcuni di questi Kurzwörter erano conosciuti anche al di fuori dei confini nazionali, altri erano ovvi per i soli parlanti orientali, alcuni rappresentavano un problema per gli stessi DDR-Bürger e altri ancora sono riscontrabili prevalentemente nei linguaggi specialistici, nonché nelle migliaia di «documenti riservati» presenti negli archivi della SED, della Stasi, ecc. ai quali si è avuto accesso solo dopo la caduta del Muro di Berlino.

Barbara Delli Castelli è ricercatrice di Lingua e Traduzione Tedesca presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università «G. D’Annunzio» di Chieti-Pescara. Tra i suoi studi si ricordano: (coautrice con R. Bertozzi), Traduzione specializzata. La concentrazione bancaria in Italia e nella Repubblica Federale di Germania. Comparazione terminologico-terminografica (2005); Traduzione teatrale e codici espressivi (2006); La corrispondenza imperfetta. Riflessioni sulla traduzione letteraria e la traduzione specializzata (2007-2008); Fremdsprachen und Übersetzung im interkulturellen Kommunikationsprozess (2008).


_________

Il testo è di 300 pagine e si presenta in un unico file PDF
accessibile dall'Indice sottostante
_________

pdf

Premessa

PARTE PRIMA

1.
LA GERMANIA DEL DOPOGUERRA FRA DIVISIONE POLITICA E SVILUPPO LINGUISTICO

1.1. Riflessioni storiche (p. 13) - 1.2. La questione della lingua (p. 19) - 1.3. La Wende e il suo impatto linguistico (p. 21)

2.
IL DDR-TYPISCHER WORTSCHATZ

2.1. Caratteristiche lessicali (p. 27) - 2.2. L’influenza del russo (p. 33) - 2.3. Tedesco orientale vs. tedesco occidentale (p. 36) -
2.4. Forme abbreviate e Kurzwortbildung (p. 38)

Riferimenti bibliografici

PARTE SECONDA

3.
PREMESSA METODOLOGICA

3.1. Selezione delle voci e loro definizione (p. 53) - 3.2. Fonti e riferimenti bibliografici (p. 54) - 3.3. Struttura (p. 56) -
3.4. Elenco dei simboli e delle abbreviazioni (p. 58)

4.
CORPUS TERMINOLOGICO