Luciano Paesani


PORTA, BERTATI, DA PONTE:
DON GIOVANNI

con il fac-simile del libretto di Nunziato Porta per Praga del 1776

Introduzione di Tomislav Volek

Postfazione di Milada Jonášová

ISBN 978-88-7916-592-1 - 15,5 x 22 cm - 2012


pp. 400 – € 43,00
Prezzo on line € 36,55 - Sconto 15%
 
Acquisto il volume


 

 

Il 29 ottobre del 1787 andò in scena a Praga il Don Giovanni di Mozart e Da Ponte. In breve tempo, dal palcoscenico praghese fu catapultato nella leggenda, divenendo l’Opera delle opere. L’autore di quel libretto aveva trasformato, negli anni, l’abilità riconosciutagli nel copiare-trasformare-riscrivere-riadattare in un magistero, una vera virtù. A proposito di questo suo libretto per Mozart, si è sempre ritenuto che lui abbia il debito più grande nei confronti di Bertati, passando sotto silenzio il ruolo che Nunziato Porta ha storicamente, drammaturgicamente avuto proprio nella trattazione di quel soggetto che lo aveva imposto all’attenzione dei suoi contemporanei. Così, non condividendo questa valutazione critica, propongo una serie di riflessioni partendo dall’analisi drammaturgica comparata, prima dei tre libretti di Porta e, poi, di quello di Bertati, evidenziandone le tracce che saranno successivamente presenti nel libretto «sommo» di Da Ponte. Prima di affrontare l’analisi dei libretti, ritengo comunque utile soffermarmi sull’ambiente nel quale i personaggi, oggetto oggi di trattazioni e di dispute accademiche, vivevano, tracciandone un profilo che ponga ciascuno di loro in relazione con l’altro, per meglio cercare di capirne gli umori, le contrapposizioni, le inimicizie ed i comportamenti conseguenti, altrimenti non sempre comprensibili. Ricacciare quei personaggi nella mischia, anziché isolarli dal contesto, può forse aiutarci a capirne meglio le debolezze, dandoci un’idea più disincantata e verosimile della complessa precarietà della loro esistenza quotidiana all’ombra delle luci della ribalta.

Luciano Paesani è Professore Associato di Storia del Teatro e dello Spettacolo presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università ‘G. d’Annunzio’ di Chieti-Pescara. Fondatore e Direttore del Centro Universitario di Ricerca sul Teatro, è autore e regista. Il suo dramma Don Giovanni a New York, dedicato a Lorenzo Da Ponte, è stato messo in scena nella stagione 2008-2009. Ultimo studio critico: Mozart - Da Ponte. Drammaturgia della Trilogia sull’Amore, Praga, Istituto Italiano di Cultura - Pescara, Campus Edizioni 2010.


_________

Il testo è di 400 pagine e si presenta in un unico file PDF
accessibile dall'Indice sottostante

_________

pdf

Premessa
Porta, Bertati, Da Ponte e Il convitato di pietra (p. 7)

Introduzione di Tomislav Volek
L’opera italiana a Praga negli anni 1724-1807 (p. 11)

PARTE PRIMA
All’ombra del Commendatore

I duellanti (p. 25)
Il libretto originale di Praga del 1776 e quello di Vienna del 1777 (p. 55)
Il libretto di Vienna del 1777 e quello di Esterháza del 1781 (p. 65)

I personaggi di Nunziato Porta (p. 75)
Una parentesi goldoniana (p. 103)
Il libretto di Giovanni Bertati (p. 109)
Il libretto di Lorenzo Da Ponte (p. 131)

PARTE SECONDA
I libretti

Originale libretto di Praga di Nunziato Porta (p. 151)
Libretto di Giovanni Bertati (p. 261)
Libretto di Lorenzo Da Ponte (p. 297)

Postfazione di Milada Jonášová
Giuseppe Bustelli e la sua compagnia d’opera a Praga (p. 383)

Riferimenti bibliografici (p. 389)

Indice dei nomi (p. 393)