cover

Matteo Andreozzi

BIOCENTRISMO ED ECOCENTRISMO
A CONFRONTO
Verso una teoria non-antropocentrica del valore intrinseco

Con il contributo di Matteo Ciastellardi
La negazione antropocentrica nella cultura del progetto


ISBN 978-88-7916-829-8 - 15 x 22 cm - 2017 - pp. 184


€ 28,00  (-15%)  Acquisto il volume € 23,80 


Le etiche ambientali condividono l'esigenza di criticare ogni teoria morale incapace di considerare l'ambiente come qualcosa di più di un semplice depositario di meri valori strumentali. Le ormai conosciute etiche della responsabilità, a cui fanno riferimento molti movimenti ambientalisti, allargano la comunità morale oltre lo spazio e il tempo, difendendo il valore morale che la natura ha per l'umanità globale e futura. Sul fronte cosiddetto ‘animalista', invece, le etiche sensiocentriche e psicocentriche estendono lo status di paziente morale persino oltre la specie umana, fino a includere nella riflessione gran parte degli animali non-umani. In nessuno dei due casi, tuttavia, la comunità morale è estesa anche oltre la soggettività o l’individualità, ed è sotto questi aspetti che le loro seppur diverse teorie del valore, nel dimostrarsi in linea con l'impostazione adottata dalle più consolidate etiche tradizionali, si rivelano secondo alcuni filosofi ancora troppo condizionate dall'antropocentrismo. A contrastare i primati della soggettività e dell’individualità sono, rispettivamente, l'etica biocentrica di Albert Schweitzer e Paul W. Taylor e quella ecocentrica di Aldo Leopold e Holmes Rolston III. Questo volume esplora le teorie delle principali figure di riferimento delle due correnti e analizza nel dettaglio il problema della ricerca di ciò che viene da molti definito il ‘Sacro Graal' delle etiche ambientali: una plausibile e difendibile teoria non-antropocentrica del valore intrinseco.

Matteo Andreozzi, PhD e Visiting Fellow (2012-2013) presso il Rachel Carson Center di Monaco di Baviera, collabora con il Politecnico di Milano e con l'Università degli Studi di Milano. È autore di svariati saggi e articoli filosofici sul tema dell'etica interspecifica ed è Executive Editor della rivista Relations. Beyond Anthropocentrism. Presso LED ha curato il volume Etiche dell’ambiente. Voci e prospettive (2012) e pubblicato le monografie Verso una prospettiva ecocentrica. Ecologia profonda e pensiero a rete (2011) e Le sfide dell’etica ambientale. Possibilità e validità delle teorie morali nonantropocentriche (2015).




Per leggere o scaricare il file cliccare sul sommario

Edizione digitale disponibile a breve

pdf



La negazione antropocentrica nella cultura del progetto

Saggio di Matteo Ciastellardi

1. Introduzione. Oltre i primati della soggettività e dell’individualità

2. Etica biocentrica. Dalla riverenza per la vita al rispetto per la natura
2.1 L’etica della riverenza per la vita di Albert Schweitzer (p. 33) – 2.2 L’etica del rispetto per la natura di Paul W. Taylor (p. 37) – 2.2.1 L’atteggiamento morale fondamentale: il rispetto per la natura (p. 43) – 2.2.2 Il sistema di credenze: la prospettiva biocentrica sulla natura (p. 61) – 2.2.3 Il sistema etico: regole e principi (p. 72) – 2.2.4 Diritti e doveri (p. 79) – 2.2.5 Etica umana ed etica ambientale: conflitti e armonia (p. 84)

3. Etica ecocentrica. Dalla Land ethic alla Earth ethic
3.1 L’etica della terra di Aldo Leopold (p. 95) – 3.2 L’etica della Terra di Holmes Rolston III (p. 102) – 3.2.1 Le condizioni di un’etica ecocentrica (p. 103) – 3.2.1.1 L’unicità dell’essere umano (p. 104) – 3.2.1.2 La possibilità di seguire la natura (p. 108) – 3.2.1.3 Il dovere di seguire la natura (p. 110) – 3.2.1.4 Il fiume di vita (p. 118) – 3.2.2 I fondamenti dell’assiologia naturale (p. 121) – 3.2.2.1 L’insufficienza dell’assiologia antropocentrica (p. 122) – 3.2.2.2 L’oggettività dei valori naturali (p. 127) – 3.2.3 L’etica dei valori selvaggi (p. 134) – 3.2.3.1 Il valore dei singoli soggetti ed enti di natura (p. 136) – 3.2.3.2 Il valore dei processi e dei sistemi naturali (p. 144) – 3.2.3.3 Il valore dell’essere umano in natura (p. 156)

4. Conclusione. Valori intrinseci non-antropocentrici
4.1 Questioni concettuali e sostanziali. Valore in sé e per sé (p. 161) – 4.2 In its own right e in itself. Il valore intrinseco come valore in sé (p. 165) – 4.3 As such e for its own sake. Il valore intrinseco come valore per sé (p. 167) – 4.4 Il demarcation problem. Istanze e depositari di valore intrinseco (p. 170) – 4.5 Considerazioni finali (p. 173)

 


Humanity by Design | Essays
Humanity by Design
Collana diretta da Matteo Ciastellardi e Derrick De Kerckhove