Emanuele Stolfi

STUDI SUI «LIBRI AD EDICTUM» DI POMPONIO

II
Contesti e pensiero

ISBN 88-7916-185-7 — pp. 572 — € 59,00
La copia a stampa
è acquistabile via Internet a € 50,15
Acquisto il volume

Il testo è suddiviso in nove files PDF
Per consultarli cliccare sui titoli dell'Indice

Frontespizio e Indice (216 KB)
III-1-3 (689 KB)
III-4
(500 KB)
III-5 (759 KB)
III-6 (326 KB)
III-7-8
(805 KB)
IV-1 (729 KB)
IV-2
(446 KB)
Indici (258 KB)


Frontespizio e indice

PARTE TERZA
I METODI E LE DOTTRINE

Capitolo primo
Tendenze culturali del II secolo

I. «Crisi spirituale» e «senso del passato» (p. 3) – II. Generi letterari e tensioni innovative (p. 12)

Capitolo secondo
I modelli della giurisprudenza antoniniana

I. Il contributo di Giuliano (p. 19) – II. Analogie e divergenze con Pomponio (p. 24) – III. Gaio: un’alternativa a lungo sepolta (p. 29) – IV. La fortuna dei modelli antoniniani: dai Severi a Giustiniano (p. 35)

Capitolo terzo
«Codificazione» dell’editto e tecniche interpretative

I. L’analisi dei «verba praetoris» (p. 43) – II. La «ratio» come criterio interpretativo (p. 53) – III. Integrazione e applicazione giurisprudenziale (p. 57) – IV. Dalle XII Tavole all’editto (p. 64)

Capitolo quarto
«In limine litis»: esame delle disposizioni introduttive del processo formulare

I. Contributi in tema di corruzione dell’albo edittale (p. 71) – II. L’analisi del «De edendo» (p. 79) – III. Dottrine in tema di «in ius vocatio» – III.1. Disciplina processuale e diritto delle persone (p. 84) – III.2. I divieti di sottrarre l’in ius vocatus (p. 96) – IV. Divieti e limiti nel «postulare» (p. 102) – V. Le testimonianze relative al «De cognitoribus et procuratoribus et defensoribus» – V.1. Cognitores e tempus lugendi (p. 109) – V.2. Tipologie di procurator (p. 112) – V.3. Procedure contro o in nome di municipes (p. 125) – V.4. Dottrine in tema di negotiorum gestio (p. 130)

Capitolo quinto
Per una ricostruzione delle dottrine contrattualistiche

I. L’analisi del «De pactis et conventionibus» – I.1. La disciplina dei patti aggiunti (p. 135) – I.2. Le convenzioni dotali (p. 148) – II. Segue: i cosiddetti «patti pretorî» – II.1. Receptum arbitri (p. 150) – II.2. Receptum nautarum (p. 157) – II.3. I requisiti fondamentali del costituto di debito 165) – II.4. Spunti problematici in tema di constitutum debiti alieni (p. 170) – III. L’indagine sui contratti tutelati da «iudicia bonae fi-dei» – III.1. L’emptio-venditio (p. 175) – III.2. La locatio-conductio (p. 181) – III.3. Altre tipologie contrattuali (p. 189) – IV. Figure negoziali «di confine» (p. 196) – V. La tutela processuale di fattispecie atipiche: in particolare, «agere» e «actio praescriptis verbis» – V.1. Il superamento dell ’impostazione labeoniana (p. 212) – V.2. Estensione e «tipizzazione» (p. 222) – VI. Il ricorso alle «actiones in factum» e alle «actiones utiles» – VI.1. Actiones ad exemplum (p. 235) – VI.2. Scarso impiego delle azioni «utili» (p. 239)

Capitolo sesto
L’analisi del «De in integrum restitutionibus»

I. Il «metus» (p. 243) – II. Segue: la diagnosi della violenza in altro contesto: l’esame del «De iniuriis» – II.1. Iniuria atrox (p. 250) – II.2. Profili oggettivi e soggettivi (p. 254) – III. La costruzione pomponiana in tema di dolo (p. 260) – IV. La protezione dei minori di 25 anni (p. 269) – . Altre ipotesi di «in integrum restitutiones» – V.1. Il caso del «falsus tutor» (p. 277) – V.2. Ulteriori fattispecie (p. 278)

Capitolo settimo
La tutela interdittale

I. L’ «interdictum unde vi» (p. 283) – II. L’ «interdictum uti possidetis» (p. 293) – III. Altre figure interdittali (p. 297)

Capitolo ottavo
Previsioni pretorie e stratificazioni di «ius civile»

I. Editto e sfere normative (p. 307) – II. Il «De his quae cuiusque in bonis sunt»: l’analisi delle azioni pretorie – II.1. L ’actio Publiciana (p. 310) – II.2. La tutela contro il mensor qui falsum modum dixerit (p. 314) – III. Procedure di tradizione civilistica in senso stretto – III.1. Dottrine in tema di hereditatis petitio (p. 318) – III.2. L’indagine sulla rei vindicatio – III.2.I. Confusione e commistione (p. 320) – III.2.II. Casi di comunione e servus fugitivus (p. 329) – III.2.III. Impieghi particolari della rei vindicatio e di-gressioni nella sua analisi (p. 335) – III.3. Le azioni a tutela (o negatorie) dell’usufrutto (p. 343) – III.4. Analoghe procedure in materia di servitù (p. 350) – III.5. Le azioni divisorie, in particolare finium regundorum e fami liae erciscundae – III.5.I. Estensione dell’officum iudicis (p. 361) – III.5.II. L’oggetto della divisione ereditaria (p. 366) – III.6. L’actio ad exhibendum (p. 375)

PARTE QUARTA
COSTRUZIONE GIURIDICA E ASPETTI DI VITA MATERIALE

Capitolo primo
Interpretazione dell’editto e schiavitù

I. Riflessione dei «prudentes» e vita materiale nel II secolo (p. 387) – II. Lo schiavo come soggetto commerciale – II.1. Una «reificazione imperfetta» (p. 395) – II.2. Il contributo in tema di actiones adiecticiae qualitatis: l’actio exercitoria (p. 404) – II.3. L’actio institoria (p. 410) – II.4. L ’actio tributoria (p. 414) – II.5. L’actio de peculio (p. 426) – II.6. L’actio de in rem verso 436) – III. Lo «schiavo merce»: la riflessione attorno allapostro-foeditto degli edili curuli – III.1. Presupposti dell’actio redhibitoria – III.1.I. Morbus vitiumve (p. 455) – III.1.II. Beni accessori e servi vicarii (p. 465) – III.2. Disciplina della redhibitio – III.2.I. Deterioramento dello schiavo e cautiones (p. 467) – III.2.II. Tipologie e disciplina del danneggiamento (p. 472) – III.2.III. Pluralità di legittimati attivi all’actio redhibitoria (p. 474)

Capitolo secondo
Realtà commerciali e «laboratorio» terra

I. L’organizzazione finanziaria – II.1. La mensa argentaria (p. 481) – II.2. I publicani (p. 491) – II. La terra – II.1. Realtà economiche e forme mentali (p. 496) – II.2. Il contesto rurale e la letteratura agronomica (p. 504) – II.3. I cani da pastore di Varrone, Columella e Pomponio (p. 510) – II.4. Altri squarci di «economia della selva» (p. 521) – II.5. La terra e gli strumenti di lavoro (p. 529)

_______________

Indice delle Fonti – Indice degli Autori